giovedì 7 maggio 2009

Tortelli dolci ripieni di rabarbaro e fragole


Non dico sempre che voglio viaggiare leggera nella vita? Ed ecco che mi ritrovo col pc completamente vuoto! Più leggera di così! Considerato che ho anche poca memoria è una bella sensazione. Per fortuna che c'è internet e che mi sono rimaste almeno le ricette e le foto che ho sul blog. Non saprò mai cosa avevo messo nella famosa cartellina "ricette da provare" che adesso ricomincerò a riempire con cose che non proverò mai, non tutte perlomeno.
Una settimana senza computer è strana, mi sono resa conto che facevo proprio tutto con sto coso. Mi sono ritrovata col rabarbaro (era nella biocesta e ne ho anche preso un chilo extra per provarlo bene bene) e non sapevo cosa farne perchè non potevo andare a curiosare per blog e chi si ricordava cosa ne aveva fatto alex e virgina e adina l'anno scorso che se l'è portato addirittura da londra.
Tutte cose dolci mi sembrava di ricordare, ed ho capito anche perchè! E' acido. Praticamente sa di mela ma molto più acido, perlomeno quello che è toccato a me.
Allora ci ho fatto qualcosa di dolce, un po' l'ho cotto leggermente e me lo sono mangiato con un po' di malto. Poi ci ho fatto una torta con un impasto simile a questo qui sotto ma le fragole e il rabarbaro li ho messi crudi, buona, ma cuocendo fanno parecchio liquido e quando poi si taglia non sta molto bene tutto sto sughetto che esce, magari monoporzione...
Poi ho fatto questi tortelli dolci a mezzaluna. L'impasto mi è piaciuto molto, non c'è zucchero ma malto, non ci sono nè uova nè latticini, ma latte di soia. E' comunque una pasta morbida e friabile, certo non come una frolla ma buona. E per un paio di giorni si conserva bene.

Pasta:
200 gr farina zero
2 cucchiai di malto di riso
2 cucchiai di olio evo
una presa di polvere d'arancia
2 gocce di olio essenziale di arancio amaro
mezzo cucchiaino da caffè di cremor tartaro (di quello addizionato con bicarbonato)
latte di soia naturale tiepido

Ripieno:
rabarbaro e fragole, puliti lavati e tagliati a pezzi
2 cucchiai di malto di riso
200 ml circa di succo puro di mirtillo
mezzo cucchiaino di agar agar in polvere
un pizzico di cardamomo pestato
un pizzico di sale


Si mettono tutti gli ingredienti del ripieno in pentola e si cuoce per 15 minuti circa a fuoco basso, se si preferisce si può frullare, io non l'ho fatto, si lascia raffreddare. Prenderà la consistenza di una marmellata.

Si uniscono tutti gli ingredienti del ripieno, si impasta velocemente, si divide in palline, si stendono col mattarello, si riempiono e si chiudono a mezzaluna.

Si cuociono a 180 gradi in forno caldo fino a leggera doratura.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

E poi mi sono arrivati dei libri davvero belli sulle erbe e altro e ho anche raccolto l'aglio orsino ieri in montagna (e giuro che non era mughetto) ma ve lo racconto la prossima volta.

29 commenti:

Lisa ha detto...

Hai ragione, anche io mi sono resa conto che il PC mi è diventato quasi indispensabile.....questi tortelli dolci sono buonissimi Stella, li proverò sicuramente ;-)

genny ha detto...

ma dove lo prendete il rabarbaro per farci tuttiq uesti slendidissimi dolci??

manu e silvia ha detto...

Ma che buoni!! un dolce che fà primavera!!!
bacioni

Virginia ha detto...

Eccolo qua!
Secondo me il rabarbaro sa di prugna più che di mela.
Comunque la sua nota caratterizzante è sicuramente l'acidità.
Lo trovo azzeccatissimo in questa versione tortellosa. Tra l'altro vedo che è rimasto pure piuttosto asciutto.
Per potere utilizzare un impasto come quello sotto devi diminuire molto il latte.
Io ci avevo fatto un cake tenendo l'impasto molto sodo proprio per quel motivo.

CorradoT ha detto...

Ciao Stella, bentornata!

Tania ha detto...

L'interno del tortello fa proprio gola!

stelladisale ha detto...

lisa, ormai si fa tutto qui dentro, si chiacchiera, si cercano cose, si tengono appunti, (e ho sorvolato il problema lavoro) per fortuna ogni tanto scrivo qualcosa pure a mano...

genny, era nella cassetta della bioexpress la settimana scorsa e si poteva anche ordinare extra, 3 euro al chilo www.bioexpress.it

manu e silvia, grazie

virginia, non intendevo sotto nel senso dei muffin, ho fatto una torta tipo crostata con questo impasto e sopra ho messo la frutta col malto, buona ma si fa il sughetto... in svizzera ci facevano il gateaux col rabarbaro quando ero piccola (immagino anche adesso) ed era una torta sottile appunto tipo quella che ho fatto io, anche se l'impasto di quella svizzera credo sia zucchero farina e latte, volevo fare una roba simile, magari bastava farla solo col rabarbaro senza fragole... mi ricordavo che avevi fatto un cake ma vabeh senza computer... devo dire la verità non val la pena di penarsi tanto perchè non lo si trova sto rabarbaro :-)

corrado grazie

tania grazie, anche l'esterno è buono :-)

marcella ha detto...

Mi dispiace per il tuo pc: spero tu non abbia perso troppo materiale!
Avrei molta voglia di fare la marmellata di rabarbaro, ma in giro non lo trovo; però trovo tutti gli ingredienti per fare l'involucro!
Cercavo un'alternativa valida alla frolla, ed eccola qui!
Brava come sempre!

Lo ha detto...

ora stampo l'incipit di questo post e lo imparo a memoria...il mio pc...il mio personalissimo pc...è defunto...e con lui tutto quello che c'era dentro...che sarà mai????
però ho una vera pianta di rabarbaro in giardino!

Katia ha detto...

Ma che si è rotto? Cmq per me è/sarebbe il panico, anche perché pur avendo due hd esterni mi ostino a fare mai il backup...
vabbè, lasciamo stare!
Molto belli quelli tortelli. Mai provato il rabarbaro (qui è raro e carissimo)... devo dire che ora che me l'hai descritto non sono mica tanto convinta che mi piacerebbe, però sono lo stesso curiosa di provarlo!
baci
k

Saretta ha detto...

Mamma mia, è vero dipendiamo un po' dalla tecnologia accidenti!
ma con la fantasia che hai tu...
Complimenti per questa ricetta è buonissima!
Devo seguire le tue orme ed usare + malto(anche se lo zucchero non lo uso praticamente mai)
Bacione stellina!

stelladisale ha detto...

marcella, questo del rabarbaro è un mistero, non capisco perchè sia così raro in italia... ho ordinato i semi, anche...
per fare una vera e propria frolla ci vuole più olio, io l'avevo fatta qui ma c'era lo zucchero, era buonissima:
http://stelladisale.blogspot.com/2007/09/frolle-allolio-con-crema-di-zucca-e-di.html

lo, l'ho presa con filosofia ma considera che io ci lavoro pure con sto maledetto aggeggio :-) mi consolo anche io con le piantine e i libri e il terrazzo :-)

k, disco fisso letteralmente spaccato a metà dopo solo un anno di vita, partizione partita e secondo disco fisso che probabilmente non si riesce a recuperare niente, ci stanno provando ma ho dei dubbi... ci ho messo due giorni solo a reinstallare tutto e riscaricare programmi eccetera... backup, ecco appunto, sorvoliamo vah, menomale che tutti i miei lavori sono sui server e che ho il vizio di scrivere a mano un sacco di cose...
massì dai vale la pena provarlo il rabarbaro, per curiosità, tanto lo trovi in francia, la prossima vacanza in barca :-)
baci

saretta, dipendiamo davvero troppo, considerato che è così poco affidabile a volte :-)
il malto è buonissimo, soprattutto quello di riso mi piace, si tratta solo di prendere l'abitudine :-)
baci

Betty ha detto...

ciao, devono essere davvero deliziosi questi tortelli, complimenti!

*Mariarita* ha detto...

Stupendi!!complimenti alla cuoca!
Baci ...

luby ha detto...

ops..impossibilitata a mangiare codesta delizia...causa... catastrofica allergia alle fragole...
che tristezza nel mio cuor non provare questo splendor!
:(

marcella ha detto...

Stella, son troppo felice!!!!! Sono andata sul sito del bio express ( era un po' che non ci andavo) e ho visto che finalmente consegnano anche in E. Romagna!!!!! Evvivva!!!!!
Ordino subito!!!!
Scusa l'invasione, ma è troppo bello!
P. S. ma tu usi ancora il pc windows? Io sono passata a mac, e lo consiglio vivamente!
Al limite, se vuoi delucidazioni, ci sentiamo in mp!

stelladisale ha detto...

marcella, scusa, pensavo lo sapessi se no te l'avrei detto, sono un po' di mesi che c'è anche in emilia romagna, almeno da quando ho cominciato io a giugno...
non mi ha mai attirato mac, mi piacerebbe linux per la verità, ma non ho avuto il coraggio l'anno scorso e comunque questo deve durare ancora un po', adesso ha anche l'hard disk nuovo!

betty, mariarita, luby, grazie :-)

Lisette ha detto...

Questa ricetta è bellissima! e la pasta per dolci,sembra buonissima. ho fatto dei muffin con rab e fragole,non avevo ancora visto il tuo post!..pero' avevo visto la crema alla vaniglia abbinata ai muffin alla mela e te l'ho copiata..
io uso la vaniglia Bourbon che è scura, la tua dove la compri? grazie per questi meravigliosi spunti che ci dai..

stelladisale ha detto...

lisette, la vaniglia la prendo bio al naturasi, sia in bacche che in polvere, ma vorrei prenderla in internet insieme ad altre robe varie qui: http://www.terreexotique.fr

Claud ha detto...

Hai davvero ragione: non si può scambiare l'aglio con il mughetto!!

Complimenti per i tortellini dolci... ne mangerei volentieri un paio!

(anche io biocestizzo!!)

Isafragola ha detto...

Che belli! Anch'io con la biocesta ho avuto il rabarbaro e ho fatto i muffin. Ne ho ancora un po' in frigo e vedroò che fare ! Sempre bello il tuoi sito, anche se commento poco.

Alex ha detto...

Acidino, ma buono il rabarbaro.Con le fragole credo sia l'abbinamento più " a fagiolo"....
interessanti i tuoi tortelli, soprattutto per gli ingredienti che hai usato....
Alexandra

Nirvana77 ha detto...

ciao! Ecco perchè non ti si vedeva da un po' di giorni.. E io che pensavo che fossi in vacanza!!! Povera.. mi spiace.. Ti capisco perché anch'io lavoro col pc su tutto... per ripinguare le tue cartelle se vuoi ti mando un po' di ricettine veg salvate in questi mesi dai blog... :o)

Mi ispira un sacco la tua frolla.. mi sa che questo weekend la provo!! Il rabarbaro invece non saprei proprio dove trovarlo (biocesta a parte)..

Un bacione e buon we!

Fedra

stefi ha detto...

Ma che buoni!!!!!
Ma lo sai che non ho mai provato il rabarbaro!!!!!

spighetta ha detto...

Ciao e ben tornata!!! Visto che non si trova il rabarbaro nella mia zona (posso tranquillamente smetterla di cercarlo forsennatamente...dopo la tua descrizione...) penso di poterlo sostituire con frutta leggermente acida, giusto? Mi sembra di aver capito che poi tanto eccezionale non è....Son contenta almeno di aver capito vagamente che sapore ha... ;)

stelladisale ha detto...

fedra, tanto non le avrei mai provate tutte quelle ricette :-)
il rabarbaro si trova a milano in qualche negozietto carissimo credo... baci buon we

stefi, grazie

spighetta, mah a me non fa impazzire perchè essendo acido si tende a metterci molto zucchero, e lo zucchero l'ho eliminato, quindi alla fine non sapevo neppure bene come farlo... insomma da provare se capita ma non da diventar matti a cercarlo :-)

stelladisale ha detto...

claud, la bioexpress è da te che l'ho vista la prima volta :-)

isafragola, alexandra, grazie

spighetta ha detto...

Sullo zucchero son d'accordo con te...sono anni che l'ho eliminato... ;)

Genny ha detto...

nonconoscevo la bioexpress....ma è un'inizaitiva bellissima!!
se vieni a trovarmi c'è un contest nuovo che credo che a te piacerà:DD